Come chiedere il rimborso o danni
Regolamento (CE) n. 261/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 febbraio 2004, che istituisce regole comuni
in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato
e che abroga il regolamento (CEE) n. 295/91 (Testo rilevante ai fini del SEE)



Articolo 8

Diritto a rimborso o all'imbarco su un volo alternativo

1. Quando e' fatto riferimento al presente articolo, al passeggero e' offerta la scelta tra:

a) - il rimborso entro sette giorni, secondo quanto previsto nell'articolo 7, paragrafo 3, del prezzo pieno del biglietto,
allo stesso prezzo al quale e' stato acquistato, per la o le parti di viaggio non effettuate e per la o le parti di viaggio
giu' effettuate se il volo in questione divenuto inutile rispetto al programma di viaggio iniziale del passeggero, nonche', se del caso:

- un volo di ritorno verso il punto di partenza iniziale, non appena possibile.

b) l'imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale, in condizioni di trasporto comparabili, non appena possibile.

c) l'imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale, in condizioni di trasporto comparabili,
ad una data successiva di suo gradimento, a seconda delle disponibilita' di posti.

2. Il paragrafo 1, lettera a), si applica anche ai passeggeri i cui voli rientrano in un servizio "tutto compreso",
ad esclusione del diritto al rimborso qualora tale diritto sussista a norma della direttiva 90/314/CEE.

3. Qualora una citta' o regione sia servita da piu' aeroporti ed un vettore aereo operativo offra ad un passeggero l'imbarco
su un volo per un aeroporto di destinazione diverso da quello prenotato dal passeggero, le spese di trasferimento del passeggero dall'aeroporto
di arrivo all'aeroporto per il quale era stata effettuata la prenotazione o ad un'altra destinazione vicina,
concordata con il passeggero, sono a carico del vettore aereo operativo.



Articolo 9
Diritto ad assistenza

1. Quando e' fatto riferimento al presente articolo, il passeggero ha diritto a titolo gratuito:

a) a pasti e bevande in congrua relazione alla durata dell'attesa.

b) alla sistemazione in albergo:
- qualora siano necessari uno o piu' pernottamenti.
- qualora sia necessario un ulteriore soggiorno, oltre a quello previsto dal passeggero.

c) al trasporto tra l'aeroporto e il luogo di sistemazione (albergo o altro).

2. Inoltre, il passeggero ha diritto ad effettuare a titolo gratuito due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.

3. Nell'applicare il presente articolo il vettore aereo operativo presta particolare attenzione ai bisogni delle persone con mobilita' ridotta
e dei loro accompagnatori, nonche' ai bisogni dei bambini non accompagnati.

Articolo 10
Sistemazione in classe superiore o inferiore

1. Se un vettore aereo operativo sistema un passeggero in una classe superiore a quella corrispondente al biglietto aereo acquistato,
non puo' esigere alcun pagamento supplementare.

2. Se un vettore aereo operativo sistema un passeggero in una classe inferiore a quella corrispondente al biglietto aereo acquistato,
rimborsa entro sette giorni, secondo le modalita' di cui all'articolo 7, paragrafo 3.

a) il 30 % del prezzo del biglietto per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1500 km.

b) il 50 % del prezzo del biglietto per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km,
esclusi i collegamenti fra il territorio europeo
degli Stati membri e i dipartimenti francesi d'oltre mare, e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1500 e 3500 km.

c) il 75 % del prezzo per tutte le tratte aeree che non rientrano nei casi di cui alle lettere a) o b),
compresi i collegamenti fra il territorio europeo degli Stati membri e i dipartimenti francesi d'oltremare.

Paragrafo: (1-5) - (6-10) - (11-17) - (18-25)

Articolo: -indice- | -1 e 2- | -3 e 4- | -5 e 7- | -8 e 10- | -11-12-13-14- | -15-16-17-18-19-